LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA DELLO STABILIMENTO EX SAPA
FASE1: smassamento e raffreddamento cumuli - FASE2: caratterizzazione secondo UNI 10802
FASE3: rimozione e smaltimento cumuli

Bonificare il territorio di Adelfia e dare sicurezza ambientale ai suoi cittadini. Questo è stato fin dall’inizio del mandato, pur tra mille difficoltà, uno dei nostri impegni.

Per questo la questione Sapa, conosciuta fin dal 2000 grazie alle denunce dei residenti ed alle indagini del Nucleo Ecologico Operativo dei Carabinieri, doveva essere affrontata al più presto. Dopo l’incendio del 16 e 17 Giugno 2012, la Regione Puglia ha indicato le modalità di esecuzione della messa in sicurezza di emergenza e rimodulato allo scopo il finanziamento di 570mila euro. Da allora, con la consulenza di una società specializzata in ingegneria ambientale, abbiamo messo a punto il progetto in accordo con gli esiti delle diverse conferenze di servizi tenute con tutti gli enti preposti per recepire in pieno, anche il fase di affidamento dei lavori, le direttive della Regione, dell’Arpa e dell’ASL, che vogliamo ringraziare per la loro fattiva collaborazione. L’intervento, avviato a dicembre scorso, sta proseguendo con le operazioni di smassamento e raffreddamento dei cumuli, che dal 28 gennaio si sta provvedendo anche a campionare. Questo ci consentirà di conoscerne la natura e impostare la fase di smaltimento.

Continueremo ad assicurare il massimo dell’impegno per il perseguimento degli obiettivi fissati e lasciarci definitivamente alle spalle questa incresciosa vicenda.

 

L’Amministrazione comunale

Progetto finanziato dalla Regione Puglia
con fondi P.O. 2007 - Asse II - Linea di intervento 2.5

"interventi di miglioramento della gestione del ciclo integrato
dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati"

regione puglia comunita europea