Storia

Localizzazione del sito

Localizzazione del sito

12 ottobre 2005
I Carabinieri del NOE (Nucleo Operativo Ecologico) mettono sotto sequestro lo stabilimento ex SAPA: dall’analisi di alcuni campioni di concimi si scopre un’altissima concentrazione di metalli pesanti, superiore al limite consentito.       Le indagini hanno accertato che la SAPA srl riceveva i reflui industriali e senza trattarli adeguatamente, li sversava in aperta campagna o li trasformava in fertilizzanti destinati all’agricoltura

Marzo 2006
Il NOE chiede di realizzare un piano di bonifica

Febbraio 2007
Al Comune di Adelfia è richiesto un piano di caratterizzazione, attività preliminare ad un eventuale intervento di bonifica

Agosto 2009
Nel Piano Regionale delle bonifiche (documento stralcio) della Regione Puglia, tra i siti segnalati dalla Provincia, affetti da contaminazione ambientale sui quali è necessario intervenire con tempestività attraverso interventi di messa in sicurezza al fine di scongiurare il pericolo di propagazione delle sostanze inquinanti,  vi è lo stabilimento ex SAPA

Dicembre 2010
Adelfia è tra i comuni beneficiari del finanziamento di fondi finanziari stanziati dalla Regione Puglia (Delibera di Giunta N. 3012 del 28 dicembre 2012) per interventi di miglioramento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti e per interventi sui siti inquinati (caratterizzazione, messa in sicurezza, bonifica)

30 dicembre 2011
Con determinazione gestionale n.1469 il Comune di Adelfia indice una gara d’appalto per l’affidamento dell’attività di caratterizzazione del sito “Ex SAPA” . I termini di presentazione delle offerte erano previsti per il 30 marzo 2012, attualmente le offerte pervenute al Comune restano chiuse

16 e 17 giugno 2012
Un incendio interessa i cumuli abbandonati stanziati all’inerno dell’ex stabilimento. I focolai, che hanno liberato nell’aria fumi inquinanti, sono spenti dall’intervento dei Vigili del Fuoco

27 e 29 giugno 2012
Presso la Regione Puglia si svolgono due Conferenze dei Servizi che stabiliscono la necessità di operare presso lo stabilimento un intervento di Messa in sicurezza di emergenza. L’intervento dovrà svolgersi secondo le seguenti fasi procedurali:

FASE 1 Smassamento e raffreddamento cumuli
FASE 2 Caratterizzazione secondo UNI 10802
FASE 3 Rimozione e destinazione a smaltimento e/o recupero dei cumuli

Luglio 2012
L’Amministrazione Comunale di Adelfia, con Determinazione n. 822 del 25 luglio 2012, affida alla società ECO-logica Srl le attività di progettazione per la Messa in sicurezza d’emergenza (MISE) del Sito

10 e 27 settembre 2012
In sede di Conferenza dei Servizi è approvata la Fase 1 (Smassamento e raffreddamento cumuli) e la Fase 2 (Caratterizzazione secondo UNI 108029 del Progetto)

Ottobre 2012
L’impresa TECOM Srl si aggiudica l’esecuzione dei lavori 

 

 

CUMULI PRIMA DELL’INCENDIOprima

 

CUMULI DOPO L’INCENDIO

dopo

 

ASSETTO PLANO ALTIMETRICO DEI CUMULI

assetto

 

RIPRESE TERMOGRAFICHE DEL SITO EX SAPA

riprese

TERMOGRAFIA DEI CUMULI

termografie

IL RILIEVO DEI CUMULI

Immagine1

Progetto finanziato dalla Regione Puglia
con fondi P.O. 2007 - Asse II - Linea di intervento 2.5

"interventi di miglioramento della gestione del ciclo integrato
dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati"

regione puglia comunita europea